Spettacoli in Produzione

La Tempesta – Giochiamo alla realtà

adattamento di Federica Carteri da “La Tempesta” di William Shakespeare.

Corto teatrale di 15 minuti interpretato da Federica Carteri, Noemi Pezzini e Marina Rosetti. Regia di Federica Carteri e Roberta Zonellini.
Sinossi – Le dinamiche dell’amore tra Miranda e Ferdinando, ma anche dell’attrazione di Calibano per Miranda, raccontate attraverso i ricordi di Prospero, Ariel e Calibano. Tre personaggi simbiotici che in un continuo alterarsi di equilibri passano di volta in volta dall’essere dominanti ad essere dominati. Note di regia – Scrittura e allestimento sono asciutti, minimali, essenziali.  Abbiamo privilegiato un lavoro attoriale molto fisico in cui abbiamo inserito le parole di Shakespeare, nella traduzione di Federica Carteri poiché le edizioni in commercio poco si adattavano al carattere contemporaneo e sperimentale del lavoro, diluite ma segnanti. T9  

La 3′mpesta

da “La Tempesta” di William Shakespeare.

Commedia dalla collaborazione di GattoRosso (regia di Federica Carteri e Roberta Zonellini) di Verona, Malocchi e Profumi (regia di Barbara Valenti) di Forlì e Combinati Male (regia di Leonardo Gasparri e Rodolfo Salustri) di Macerata.
Creazione collettiva con adattamento e regia di 3 compagnie UILT da 3 differenti regioni (Veneto, Emilia Romagna, Marche) in cui la trama originale è stata destrutturata in tre quadri che affrontano altrettante dinamiche (l’amore, il potere e la servitù).
Debutto: 24 marzo 2019 al Teatro La Vittoria di Ostra (AN) per la Giornata Mondiale del Teatro.
 

Babylon – Peccati + Virtù

di Federica Carteri.

Corto teatrale di 20 minuti (estratto da Babylon, dramma, atto unico di 70 minuti) interpretato da Federica Carteri, Noemi Pezzini e Marina Rosetti. Regia di Federica Carteri e Roberta Zonellini.
Sinossi – Questa è una storia di umanità, divinità, peccati e virtù. Una donna al suo trapasso si trova al cospetto di due entità angeliche che se la contendono cercando di dimostrarne alternativamente la corruzione e la tempra morale. La donna dal canto suo si barcamena tra i ricordi della sua vita terrena che ancora la imprigionano e il passo che la attende, conscia del fatto che i peccati la seguono e le virtù le sfuggono e che gli angeli, contrariamente a quanto aveva sempre creduto, pieni di pregi, difetti e dubbi, sono molto più simili agli uomini che a Dio. Note di regia – Lavoro plastico, figurativo e metaforico basato sull’armonizzazione vocale e su tableau vivant: immagine, musica e testo rappresentano trama e ordito di un lavoro più simbolico che didascalico, in cui lo spettatore è lasciato libero di esplorare le proprie emozioni tra la poetica delle parole e l’estetica del corpo.
Debutto corto teatrale: 17 maggio 2019 al Festival Biblico di Rovigo.
Debutto atto unico: estate 2019.